ANKON Consorzio Sportivo

 

Cus si e’ spenta la luce

Se a Reggio Emilia si era sentito il primo campanello di allarme, a Fabriano e’ suonata la campana. Doveva essere la partita della svolta e in negativo lo e’ stata.I biancoverdi sono scesi al palaguerrieri di Fabriano, consci dell’importanza del match, in virtù dei numerosi scontri diretti per la salvezza in programma, una vittoria avrebbe permesso al Cus di guadare punti preziosi in classifica e salire verso posizioni più tranquille. Dall’altra parte il Fabriano, reduce da due vittorie consecutive, era conscio della posta in palio per poter risalire, e sicuramente ha dato una bella lezione di carattere grinta ai nostri ragazzi, dimostrando di avere gli attributi per lottare sino alla fine per la salvezza.

Partono lenti i biancoverdi che subiscono la maggiore freschezza atletica dei padroni di casa che volano sull’entusiasmo dei propri under 21, trovando il vantaggio meritato. Qualche sussulto biancoverde e poco più, poi nella seconda parte del match il Cus cresce, gioca in velocità e trova con Juninho in finale di tempo il pari meritato. Poi proprio in finale di sirena lo stesso giocatore abbandona il campo per infortunio e la cosa appare abbastanza seria, solo in serata i primi responsi sono meno negativi.

Ti aspetti una ripresa da coltello fra i denti, incredibilmente i nostri ragazzi appaiono quasi svogliati, scollegati senza una minima idea e vivono di inerzia pur sprecando qualche buona occasione sembrata per lo più un miraggio nel deserto, i fabrianesi ci credono e cercando di sfruttare la confusione mentale degli ospiti cercano la giocata vincente, negli ultimi 50 secondi i fuochi di di artificio, con il Cus capace di sbagliare ben tre tiri liberi due con Riffel e uno con Baruffi, ma francamente il gol e la vittoria sarebbe stato un premio sin troppo eccessivo che avrebbe solo mascherato la realtà.

Orrenda prestazione per la band di mister Carletti, un punto strappato più per inerzia che per merito, una prestazione che lascia perplessi e interdetti, ora sabato si chiude il girone di andata, avversario il fanalino di coda, il Bagnolo, ci si aspetta una reazione da parte della squadra per chiudere la prima parte del cammino in maniera decorosa e lavorare per un grande girone di ritorno, non siamo secondi a nessuno, vincere le paure per accorgersi che in fondo possiamo stare più in alto di adesso senza rubare niente a nessuno.

I commenti sono disabilitati.

 

ANKON Consorzio Sportivo - Via Vittorio Veneto, 20 c/o palasport - 60122 Ancona
Per informazioni scrivici a: info@consorzioankon.it
Vedi la pagina dei sostenitori di ANKON Consorzio Sportivo