ANKON Consorzio Sportivo

 

L’Edilcost perde al tie break con Falconara, ma mostra miglioramenti

6^ giornata serie B1 Gir. C: Edilcost Ancona – Co.Im. Falconara (2-3)

RISULTATO: 2-3 (24-26 in 28′, 16-25 in 25′, 25-18 in 25′, 25-20 in 26′, 13-15 in 19′)
ARBITRI: Labanti di Bologna e Amadori di Forlì
Ancona: Beccaceci n.e., Ortolani 13, Cerioni 1, Grassano 1, Padua 19, Garbet 15, Genangeli 23, Trillini11, La Padula n.e., Zannini (l), Zagaglia 1. All.: Zanoni

Falconara: Lombardi 9, Gonnelli 11, Sabbatini 14, Tozzo 17, Ginesi n.e., De Dominicis 6, Bellucci 15, Graidi 2, Rosa n.e., Mataloni (l), Petrini (l2). All.: Cerusico

L’Edilcost Ancona perde il derby in casa contro la Co.Im.. Falconara al tie break, ma, tutto sommato, trae segnali positivi da una prestazione che, seppur altalenante, ha mostrato una buona crescita di personalità da parte delle doriche. Già, perché quando si è sotto 2 set a 0, come stava capitando all’Edilcost oggi, non è affatto scontato riuscire a rimontare fino al 2-2 al cospetto della seconda in classifica, avendo oltretutto la possibilità di completare l’opera con la vittoria al tie break. In realtà è mancato proprio questo, ovvero la conquista del quinto set, che avrebbe rappresentato la classica ciliegina sulla torta, ma comunque il bicchiere va visto mezzo pieno.
La cronaca del match vede Falconara portarsi subito avanti in avvio di primo set. Le ospiti, infatti, vanno sul 4-1 e poi, al primo time out tecnico, sull’8-3. L’Edilcost, sospinta da una sontuosa Genangeli, top scorer dell’incontro con 23 punti messi a segno, si rifà sotto ed anzi sorpassa le avversarie sul 10-9. Ed è la stessa Genangeli, con un muro vincente, a sancire il punto del 16-13 per le anconetane, alla seconda sospensione tecnica. Falconara, però, è una squadra solida e non si lascia impressionare. Le ragazze di coach Cerusico (ex allenatrice dorica) pareggiano i conti sul 19-19 e rimangano attaccate alle padrone di casa. La centrale Garbet mette a terra la palla del 24-23 per l’Edilcost, ma non basta. Due micidiali muri della giovane Lombardi regalano il primo set alla Co.Im. Falconara (26-24). Moira Cerioni e compagne accusano il colpo e cominciano con un po’ d’affanno (e qualche errore di troppo) il secondo parziale; le ospiti ne approfittano e alla prima sospensione tecnica conducono 8-5. L’Edilcost, in verità, non cede immediatamente alle rivali, riuscendo a contenere il gap invariato al secondo time out (13-16). Al rientro in campo, però, la Co.Im. Falconara aumenta il vantaggio e l’Edilcost Ancona rimane inesorabilmente attardata. Il parziale si chiude 25-16 per le ospiti, che, ancora una volta, realizzano i punti decisivi (il 24° e il 25°) con due muri consecutivi. Partita finita? Macché! L’Edilcost tira fuori l’orgoglio ed inizia l’operazione rimonta nel terzo parziale. Dopo una fase d’avvio abbastanza interlocutoria, con le doriche prima avanti 4-1 e successivamente sotto di 2 punti al primo time out tecnico (6-8), il set – e l’incontro – entra nel vivo. Ancona registra il servizio, mentre Falconara comincia a calare. Al secondo break Ancona è di nuovo sopra (16-15) e, sul 18-16 in proprio favore, coach Zanoni decide di rafforzare la ricezione, sostituendo Ortolani e Padua con Zagaglia e Grassano. I due cambi si rivelano azzeccati e l’Edilcost acquisisce un margine di sicurezza sulle falconaresi. Un ace della Grassano e un attacco vincente di una sempre più grintosa Silvia Trillini suggellano il 25-18 per Ancona. La gara è ora completamente riaperta. Nel quarto parziale Falconara va ulteriormente in difficoltà e le doriche, dopo essere state sotto di un punto al primo time out tecnico (7-8), arrivano a condurre sul +5 alla seconda interruzione (16-11). L’Edilcost va addirittura sul +9 (22-13), ma a questo punto paga un po’ di rilassamento. Poco male, però: il distacco è ampio e le atlete di coach Zanoni controllano il set fino alla fine, quando chiudono 25-20, con un punto della solita Genangeli. Adesso ci si gioca tutto al tie break. Il principio del quinto set è promettente per le ragazze della Conero, che, con una schiacciata della Ortolani, si portano sul 3-1. Falconara, pur meno lucida rispetto alle prime fasi dell’incontro, non demorde e rimane incollata alle anconetane. Dopo il cambio campo, con l’Edilcost avanti 8-7, la Co.Im. Falconara ottiene un break che si rivela mortifero per le speranze di successo doriche. Coach Cerusico si affida all’esperienza di una panchinara di lusso come Marina De Dominicis che, con il servizio, manda in confusione la ricezione dorica. La frittata sembra ormai fatta sul 14-10 per le ospiti, e invece no. Ancona giunge fino al -1, con il punteggio fissato sul 13-14. Ortolani ha la palla della parità, ma purtroppo spara fuori. Falconara vince ed Ancona si morde le mani. Tuttavia la consapevolezza dei miglioramenti palesati in questo match deve superare, nelle menti e nei cuori delle atlete e dello staff dorico, l’amarezza per l’infausto esito della partita. Ne è convinto anche coach Zanoni: “A caldo, non posso nascondere il dispiacere per come si è concluso l’incontro. Poi, facendo una disamina più ragionata, devo dire che le ragazze hanno dimostrato di essere in gran crescita, specialmente a livello mentale. Solo poche settimane fa, questa partita, per come si era messa, avremmo rischiato di perderla malamente; oggi, invece, ce la siamo giocata fino in fondo. Ci manca forse un po’ di malizia quando la palla scotta, ma  per  ora va bene così. Quello di oggi è un punto guadagnato con il carattere e la determinazione”. Infine una battuta flash da parte dell’allenatrice falconarese Raffaella Cerusico: “Abbiamo rischiato di perdere una partita che si poteva chiudere prima, lasciando che l’Edilcost ritrovasse fiducia e potesse galvanizzarsi. E’ positivo comunque essere riuscite a vincere, nonostante i tanti errori compiuti”.
Giovanni Marcelli – Addetto Stampa Edilcost Ancona

Scrivi un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

 

ANKON Consorzio Sportivo - Via Vittorio Veneto, 20 c/o palasport - 60122 Ancona
Per informazioni scrivici a: info@consorzioankon.it
Vedi la pagina dei sostenitori di ANKON Consorzio Sportivo