ANKON Consorzio Sportivo

 

False sponsorizzazioni sportive – repubblica.it

dal sito Repubblica.it del 01 settembre 2011 proponiamo questo articolo

False sponsorizzazioni sportive
scoperta evasione da 50 milioni

Operazione della Guardia di Finanza: denunciate 65 imprese, che hanno evaso per anni le imposte dirette e l’Iva. Giocatori dilettanti di calcio a 5 pagati in nero, anche 15mila euro al mese

False sponsorizzazioni sportive scoperta evasione da 50 milioni

ROMA – Un’evasione fiscale di 50 milioni di euro è stata scoperta dalla Guardia di finanza di Vicenza nel settore delle false sponsorizzazioni sportive: sono state 65 le imprese che, attraverso questo meccanismo illecito, hanno evaso per anni le imposte dirette e l’Iva. Denunciati, per vari reati, 24 soggetti.
Le Fiamme gialle hanno anche accertato che parte delle somme di denaro frutto della frode (oltre 3 milioni di euro) venivano impiegate per pagare in nero calciatori di calcio a 5, e quindi formalmente dilettanti, che riuscivano a percepire compensi anche per 15 mila euro al mese oltre ad ottenere una lunga serie di ‘utilita varie (auto di lusso, appartamenti, discoteche, viaggi). Tutto ciò senza dichiarare nemmeno un centesimo al fisco.

L’operazione ‘Sponsormania’, condotta dalla Tenenza di Arzignano, dopo due anni di indagini ha portato alla scoperta della maxi-evasione da 50 milioni attuata attraverso l’emissione di fatture attestanti false sponsorizzazioni sportive per 30 milioni di euro. Ma non solo.

Accertati anche trasferimenti di contanti in violazione della normativa antiriciclaggio per 47,8 milioni di euro, l’introduzione illegale di denaro in Italia per 17 milioni e vari episodi di bancarotta fraudolenta, estorsione, furto, appropriazione indebita, falso interno bancario, indebito utilizzo di carte di credito, ricettazione di assegni rubati, truffa e tentata truffa aggravata (per impossessarsi di un quadro di Mario Schifano, ai danni di una società che vende opere d’arte in tv).

Inedito il risvolto riguardante i falsi calciatori ‘dilettanti’ di calcetto, in realtà professionisti che percepivano compensi anche per decine di migliaia di euro al mese, ovviamente tutto “in nero”. Nell’ultimo quinquennio, agli pseudo-dilettanti, che per legge non possono percepire compensi ma solo rimborsi spese, peraltro per un limitato importo, è stata invece corrisposta una somma di circa 3 milioni e 100 mila euro. Si tratta di 59 calciatori, quasi tutti stranieri, che si sono succeduti negli anni e che hanno percepito compensi che, per alcuni di loro, ammontavano anche a 14-15 mila euro al mese oltre ad una lunga serie di fringe benefit. Gli “ingenti compensi”, come li definisce la Gdf, non venivano ovviamente sottoposti ad alcuna forma di tassazione o contribuzione, nè gli stessi calciatori risultano dalla contabilità dell’associazione che li gestiva. Nessuno di loro ha mai presentato una dichiarazione dei redditi.

Indagando poi su una conceria che aveva beneficiato delle fatture per false sponsorizzazioni, le Fiamme Gialle hanno scoperto che una sostanziosa parte dei proventi derivanti dalla frode fiscale veniva utilizzata dall’imprenditore conciario per corrispondere somme “fuori busta” a 80 lavoratori.

Complessivamente sono 28 le società, operanti in dieci province italiane, nei cui confronti risultano essere state emesse false fatture e che saranno oggetto di ulteriori indagini. Accertamenti anche nei confronti di alcune associazioni sportive che sarebbero state costituite “solo al fine di consentire ingenti evasioni”.

Scrivi un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

 

ANKON Consorzio Sportivo - Via Vittorio Veneto, 20 c/o palasport - 60122 Ancona
Per informazioni scrivici a: info@consorzioankon.it
Vedi la pagina dei sostenitori di ANKON Consorzio Sportivo