ANKON Consorzio Sportivo

 

Camilla Servadio, una tripla da sballo che vale la finale

“Ho tirato senza pensarci troppo, una vittoria fortemente voluta da tutte noi”

ANCONA _ La Sma Ancona ha conquistato la finale dei play-off del campionato di basket femminile di serie A2, un risultato prestigioso e importantissimo che la formazione dorica allenata da Giuseppe Caboni ha fortemente inseguito e voluto fin dall’inizio della stagione nonostante i molti infortuni patiti. La rocambolesca “bella” contro il Cus Cagliari ha un’eroina dorica: il playmaker della Sma Camilla Servadio ha infatti risolto la partita a due secondi dalla sirena del supplementare, con un tiro da tre punti che ha portato la Sma sul 63-60 definitivo. Una palla decisiva e una responsabilità non da poco nelle mani di Camilla. “E’ stato fantastico _ dice la Servadio _ ma in quel momento non ho pensato all’importanza di quella palla, ho cercato il canestro senza attribuire al tiro un significato particolare. Con il senno di poi penso che sia stato meglio così, se ci avessi pensato troppo magari sarebbe andata male…”.

Se andiamo a vedere lo score completo di Camilla Servadio scopriamo che nel corso del match ha provato sei volte il tiro da tre punti, riuscendo a realizzarne solo uno: quello finale e decisivo… “Infatti. Avevo provato cinque volte in precedenza ed era andata male, ma non mi sono scoraggiata, sentivo che prima o poi sarebbe arrivata la volta buona. Anche perché il coach in più di una circostanza mi aveva suggerito di tirare, in precedenza, e non ho voluto farmelo ripetere per l’ennesima volta. E’ stata una grande gioia, il match è stato teso, anche duro, giocato punto su punto e non bellissimo dal punto di vista dello spettacolo. Ma c’era grande tensione e aver vinto è stata una vera liberazione. Grande anche Carola Sordi, che ci ha portate al supplementare mettendo a segno due punti decisivi dalla lunetta praticamente allo scadere dei 40 minuti. Insomma, una vittoria sofferta ma fortemente voluta da tutte noi”.

E ora c’è il Pontedera, la squadra che ha dominato la stagione regolare. Il Pontedera parte favorito, ma anche con una maggiore tensione che deriva da tale ruolo. “Certo. Non si può dire che non abbiamo nulla da perdere in quanto la posta in gioco in finale è elevata per noi quanto per le toscane, in ogni caso non ci sentiamo battute in partenza. Il Pontedera è molto forte ma non imbattibile, ogni tanto anche alla squadra toscana capita di perdere una partita. Ha perso da noi nella gara di ritorno, poi ha perso a Napoli nella semifinale dei play-off, dunque dobbiamo credere nell’impresa”.

I commenti sono disabilitati.

 

ANKON Consorzio Sportivo - Via Vittorio Veneto, 20 c/o palasport - 60122 Ancona
Per informazioni scrivici a: info@consorzioankon.it
Vedi la pagina dei sostenitori di ANKON Consorzio Sportivo